Archivi tag: ANED

I disegni e le poesie del ghetto di Terezìn al Centro S. Allende

Terezìn - disegno
Nell’ambito del progetto Per ricordare la Shoah. Bambini, giovani e la deportazione dal 15 al 28 febbraio il Centro S. Allende della Spezia ospita la mostra Attraverso gli occhi dei bambini: disegni e poesie del ghetto di Terezìn, a cura dell’ISR, in collaborazione con ANED, con il patrocinio della Provincia e del Comune della Spezia, e con il patrocinio e il contributo del Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria.

Continua la lettura di I disegni e le poesie del ghetto di Terezìn al Centro S. Allende

Progetto “Bambini, giovani e la deportazione”

L’ISR della Spezia ha da tempo rivolto particolare attenzione al mondo della scuola, realizzando non solo questo sito web di storia contemporanea, ma anche incontri sulla storia del Novecento rivolti a docenti e studenti che hanno avuto l’opportunità di aggiornare le proprie conoscenze storiografiche e le proprie competenze didattiche relative al difficile insegnamento della lezione di Auschwitz.
L’offerta didattica dell’Istituto prevede, grazie appunto alla collaborazione con l’ANED della Spezia, la possibilità di organizzare incontri nelle scuole con i pochi testimoni rimasti della deportazione. Il dialogo diretto con questi testimoni e con storici ed esperti, è certamente utile all’apprendimento delle vicende della storia italiana e locale ma soprattutto alla reale comprensione delle passioni, delle sofferenze e delle speranze dell’epoca.

Nel periodo febbraio-maggio 2018, grazie anche alla collaborazione con l’ANED della Spezia, l’ISR ha programmato molte iniziative tra film, testimonianze, incontri, e seminari di studio.
Le iniziative a calendario verranno di volta in volta annunciate sul sito.

“Beppe: il coraggio di resistere”, di Asmaa El Garnaoui e Arjola Nika

Giuseppe Da Pozzo
Giuseppe Da Pozzo

Questo è l’elaborato di Asmaa El Garnaoui e Arjola Nika, due alunne di quinta dell’Istituto Superiore “Fossati – Da Passano”; s’intitola “Beppe: il coraggio di resistere” ed è dedicato alla memoria del Tenente di fanteria Giuseppe Da Pozzo, diplomatosi geometra presso l’allora “Istituto Manfredo da Passano”, ufficiale della Colonna Giustizia e Libertà, fucilato dalle Brigate Nere il 5 marzo 1945.

Il lavoro, seguito dalla Professoressa Marcella D’Imporzano e dalla Professoressa Marilinda Cecchi dell’ITC Fossati, ha conquistato il primo posto nel concorso indetto dall’ANPI Centro della Spezia, in collaborazione con l’ANED e il Comune della Spezia”. Asmaa e Arjela hanno vinto il viaggio ai Campi di sterminio che si svolgerà a maggio, a cura dell’ANED La Spezia.

Per la biografia di Giuseppe Da Pozzo, v. pagina del Comune della Spezia nello “Stradario”

“Gli ultimi Testimoni” ci parlano, grazie all’A.N.E.D.


Grazie al prezioso lavoro svolto da A.N.E.D. (Associazione nazionale ex-deportati)- Sezione della Spezia, I.S.R. ha potuto integrare la sezione “strumenti” con una raccolta di testimonianze di ex-deportati politici della provincia della Spezia internati nei Campi di concentramento nazisti. È una generazione che sta volgendo al termine, quindi è importante far conoscere le significative e credibili testimonianze di fatti loro accaduti. Sono testimonianze che cercano di parlare alle giovani generazioni, sono storie che dialogano con l’attualità.
Qui le video testimonianze di Franco Capurro, Lauro Ferrato, Fusco Godani, Adriano Guidi, Liliana Maranini, Gino Sivori, Mirella Stanzione, Bruno Tartarini e Renzo Tramonti.

Verso la Libertà. Incontro alla Biblioteca Beghi

Verso la libertà. Gli scioperi del marzo 1944Lunedì 31 marzo, ore 17 “Verso la libertà. Gli scioperi del marzo 1944”, Auditorium Biblioteca “Beghi”, La Spezia.
Perché ricordare a settant’anni di distanza gli scioperi del marzo 1944?
Perché costituiscono l’atto conclusivo di una serie di agitazioni iniziate, in forme e modalità diverse, già nel settembre 1943, all’indomani della costituzione della Repubblica Sociale Italiana e dell’occupazione tedesca, e sviluppatasi soprattutto nei mesi di novembre e dicembre.
Gli scioperi del marzo 1944 presentano una sostanziale novità. Sono caratterizzati da una precisa matrice di natura politica, mentre le precedenti agitazioni, seppur non prive di risvolti politici, erano attuate in un’ottica di tipo economico-rivendicativo e avevano come scopo primario il miglioramento sia delle condizioni salariali, attraverso la richiesta di aumenti, sia della situazione alimentare.
I protagonisti di queste giornate lo hanno fatto in tempi tragici, con scelte coraggiore, quando il rischio era la prigione, la tortura, la vita: a noi, in tempi meno drammatici, semmai confusi, compete tramandare la loro memoria e tenere alti quei valori.

Partecipano:
Massimo Federici, sindaco della Spezia
Lorenzo Vincenzi, presidente ISR La Spezia
Doriana Ferrato, membro Comitato Unitario Resistenza, presidente ANED La Spezia
Lorenzo Cimino, segretario generale CGIL La Spezia

Interviene
Lutz Klinkhammer, Istituto Storico Germanico, Roma­­­

info: Tel. 0187/513295 (risponde la Biblioteca Civica “Beghi”) – e-mail: isr@laspeziacultura.it

l’invito